Sanità

Al Santo Stefano il primo caso di ischemia retinica trattato con farmaco trombolitico

Al’ospedale Santo Stefano è stato trattato con successo il primo caso di ischemia retinica con un farmaco trombolitico, indicato ed utilizzato per l’ictus ischemico cerebrale. Si tratta di un paziente che nei giorni scorsi si è presentato in Pronto Soccorso per improvvisa cecità ad un occhio.

La situazione era particolarmente delicata in quanto il paziente era da tempo monocolo per una pregressa lesione ischemica all’occhio controlaterale e si è trovato in una condizione di cecità. L’ischemia retinica si verifica quando un trombo occlude in modo parziale o totale un vaso della retina ed impedisce al sangue di fluire. Proprio il mancato apporto di sangue alla retina può provocare importanti danni alla vista anche irreversibili.

Al Santo Stefano, per il trattamento di questa patologia sarà messo a punto un apposito percorso diagnostico-terapeutico che preveda la possibilità di un intervento rapido ed efficace. Attraverso una diagnosi tempestiva di trombosi dell’arteria retinica e, valutata l’assenza di controindicazioni, viene effettuata la somministrazione endovenosa del farmaco indicato per sciogliere il materiale trombotico.

Il farmaco è da molto tempo impiegato per i casi di ictus ischemico cerebrale ed è stato utilizzato per la prima volta per l’ischemia dell’occhio, patologia che può causare cecità e per la quale non ci sono valide alternative terapeutiche. Il paziente dopo il trattamento ha recuperato la vista per 8-9 decimi.

Autore

Mr. Bloogger

Mr. Bloogger

Lascia un commento