Accadde Oggi

Controcorrente

Quando morì, ho provato la stessa sensazione di quando se ne vanno persone care di famiglia, o amici tra i migliori di tutta la vita: dolore, per la perdita di qualcuno che è stato il maestro della mia giovinezza, uno di coloro che hanno fatto di me quello che sono. E tristezza infinita, nel vedere cosa resta di una vita intera spesa nel cercare di dare qualità al proprio intelletto. Niente. Ma lui era il primo a saperlo. Si era preparato e ha cercato di preparare tutti coloro che hanno voluto starlo a sentire.

Nella mia libreria il posto d’onore ce l’hanno le sue opere, a cominciare da quel Soltanto un giornalista che è stato il suo testamento umano e professionale, la spiegazione di tutto ciò che ha fatto e scritto, per chi si fosse messo in collegamento soltanto a quel punto.  I suoi libri hanno segnato la mia vita, e quella di molti altri. Nella mia biblioteca ci sono e ci restano.

Non aveva un carattere facile, Indro Montanelli. Mi piaceva anche per quello, forse. Quella spigolosità, quella assoluta mancanza di angoli smussati, lati abbordabili, maturate nel corso di una vita coraggiosamente vissuta in epoche e circostanze difficili, sicuramente molto meno confortevoli di questa vita virtuale che stiamo vivendo noi adesso, mi affascinavano, le sentivo mie. Volevo essere lui. Se non fossi stato io avrei voluto essere lui. Sempre se ne avessi avuto il coraggio, oltre che soprattutto il talento.

Montanelli e la sua leggendaria Olivetti Lettera 22

Montanelli, quand’ero ragazzo, era un autore all’indice, in un mondo egemonizzato dalla cosiddetta cultura (o incultura) di Sinistra. C’erano autori all’indice della sinistra come ce n’erano stati in epoche precedenti per la Chiesa Cattolica. Perché? Ma perché erano fascisti. Non si poteva leggere Montanelli così come non si poteva ascoltare Lucio Battisti. E’ stato allora che ho deciso che se dovevo rinunciare a qualcosa avrei rinunciato alla Sinistra. Non certo a chi mi stava aiutando a crescere, costringendomi ad aprire la mia mente.

La storia di Montanelli è nota a tutti dal 1994 in poi. Da quando è diventato paradossalmente e strumentalmente il campione di quella sinistra con cui c’era sempre stata antipatia reciproca (se non peggio), in quanto simbolo dell’opposizione a Berlusconi, quando disse NO all’astro nascente e se ne andò dal Giornale che lui aveva fondato e che l’altro nel frattempo aveva comprato.

Montanelli ha trascorso i suoi ultimi anni di vita osannato dagli stessi che fino a poco prima lo avevano insultato in quanto fascista, avevano inneggiato alle Brigate Rosse quando gli avevano sparato alle gambe, avevano puntualmente rivangato i suoi trascorsi durante il Ventennio, come se in ogni famiglia non ci fosse stato allora chi aveva indossato (volente o nolente) la camicia nera.

Fatti per capirsi al volo, e per non intendersi…

Anticomunista, questo sì, lo era stato tutta la vita, all’epoca in cui il Comunismo uccideva, e non solo nell’Est europeo o asiatico. Questo non gli aveva impedito di essere stato condannato a morte dai tedeschi (all’epoca abbastanza anticomunisti anche loro…) e di trascorrere mesi nel braccio della morte di San Vittore in compagnia di diversi capi partigiani e di un giovanissimo Mike Bongiorno. Né di tenere nel dopoguerra una posizione abbastanza anticonformista nei confronti della stessa classe dominante democristiana, che trattò sempre con disprezzo.

Nel 1974 se ne andò dal Corriere della Sera, che giudicava ormai sulla via di diventare troppo indulgente verso la Sinistra (allora denominata Partito Comunista Italiano) e fondò il Giornale, che diventò il punto di riferimento di chi non era di sinistra, ma non era neanche fascista e meno che mai voleva rassegnarsi alla palude democristiana, per di più in odore di compromesso storico.

Fu in questa veste di direttore del Giornale che fu aggredito da un commando delle Brigate Rosse nel 1977. Gli andò meglio che a Tobagi e Casalegno. Ma non si arrese, come non si era arreso ai Nazisti. Come non si sarebbe arreso a Berlusconi, diventato tempo dopo il suo editore. Come spiegò nelle sue ultime opere, appunto, lui era stato e rimaneva soltanto un giornalista. E fino all’ultimo non accettò altri padroni che quello suo naturale: il lettore.

P.S. Vorremmo intestare questo blog, senza presunzione alcuna, alla memoria e soprattutto all’insegnamento di due maledetti toscani, meravigliosi giornalisti. Una si chiamava Oriana, l’altro si chiamava Indro. Non sarò mai come loro, non smetterò mai per il resto della vita di provare ad esserlo.

Autore

Mr. Bloogger

Mr. Bloogger

Lascia un commento