Attualità

Coronavirus, ulteriori provvedimenti del Governo

Con il Dpcm del 9 marzo 2020, in vigore da oggi 10 marzo, il Governo ha dichiarato tutta l’Italia zona protetta e ha dettato ulteriori provvedimenti anche per il nostro territorio. In particolare:

– Evitare spostamenti in entrata e uscita, ma anche all’interno del territorio se non per comprovate esigenze lavorative, necessità indifferibili di spostamento e motivi di salute. In allegato il modulo per l’autocertificazione;

– tutti i soggetti con sintomi come febbre o infezione respiratoria restare al proprio domicilio e avvertire il medico di famiglia, pediatra di libera scelta oppure telefonando al numero dell’ASL Toscana Centro 0555454777;

– divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena o risultati positivi al virus;- sospese tutte le manifestazioni organizzate ed eventi in luoghi pubblici o privati;

– sospesi i servizi educativi per l’infanzia, le scuole, le università, i corsi professionali e le attività formative;

– sono sospese le cerimonie civili e religiose, comprese quelle funebri;

– chiusi musei, teatri, cinema e tutti i luoghi della cultura;

– chiuse scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse, sale bingo, discoteche e locali assimilati;

– sospese le procedure concorsuali;

– sono consentite le attività di ristorazione  e bar dalle 6 alle 18 con obbligo di rispetto delle prescrizioni compresa la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;

– nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati. Negli altri giorni il gestore deve comunque garantire il rispetto delle prescrizioni. La chiusura non è predisposta per le farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari che comunque devono rispettare le prescrizioni;

– sono sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, centri culturali, centri sociali, centri ricreativi

– sospesi eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina in luoghi pubblici o privati. Resta consentito lo svolgimento a porte chiuse per gli atleti professionisti o di categoria assoluta che partecipano ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali o internazionali all’interno di impianti sportivi a porte chiuse o all’aperto senza la presenza di pubblico. 🅱️

 

Autore

Mr. Bloogger

Mr. Bloogger

Lascia un commento