Ombre Rosse

Da sinistra a destra e ritorno

Detta in soldoni, da uomo della strada, il cattocomunismo cominciò ufficialmente nel ’76. In Vaticano capirono che ormai la Democrazia Cristiana stava per perdere le elezioni. Sicuramente i veritieri sondaggi che avevano nelle mani davano il Partito Comunista vincente e quindi, seguendo i dettami di Machiavelli  (il Principe, laico o meno, il concetto non cambia) e anche alcuni passi del Vangelo, decisero che non potendoli sconfiggere anche i comunisti in fondo erano figli di Dio, che Gesù era un proto socialista; che la Chiesa non fa distinzioni fra i suoi fedeli; che i tempi in cui in Russia i comunisti facevano saltare le chiese (con i preti dentro) erano passati eccetera.

I comunisti italiani furono sdoganati; tornarono nelle chiese, gli americani dettero loro il visto per andare negli USA e le nuove generazioni di seminaristi furono orientati e istruiti a seguire il nuovo corso.  Per quarant’anni i preti sono stati improntati da questa corrente di pensiero.  E’ vero che il Papa polacco dava un po’ fastidio in questo senso, in quanto, avendo sofferto sia sotto i nazisti che sotto i comunisti non era molto in linea con questa filosofia ma poi, un baldo giovane con una pistolettata aveva un po’ calmato i suoi bollenti spiriti e il suo successore, primo Papa nella storia moderna, era stato mandato in pensione.

Ora il Vaticano, che sicuramente ha ancora i suoi buoni sondaggisti, sta timidamente prendendo atto che anche i sovranisti in Europa (e in Italia, naturalmente) dovranno essere tenuti in considerazione e che forse, dopotutto, anche loro come è successo ai comunisti, potrebbero essere figli di Dio. Il problema però è come convertire alla nuova filosofia dell’accoglienza le due generazioni di prelati che sono cresciuti e si sono prodigati a diffondere il cattocomunismo nel Mondo. Inizierà per loro un processo di riconversione? I più restii saranno rottamati? Lo sa solo il Padreterno.

Autore

Mr. Bloogger

Mr. Bloogger

Lascia un commento