Ombre Rosse

Equinozio di primavera, un anno dopo

L’equinozio di primavera, ovvero il giorno che segna ufficialmente l’inizio della bella stagione, cade oggi 20 marzo, alle ore 10,37 italiane. In anticipo rispetto alla data consueta del 21, a causa del lento ma inesorabile variare delle orbite astronomiche.

La prima volta fu l’anno scorso, il famigerato 2020. Anno bisesto, anno funesto, diceva un vecchio detto. Vai a dargli torto… pare proprio che quel 2020 ce lo ricorderemo finché campiamo, e se lo ricorderanno i libri di storia.

Un anno dopo, stesso clima, è il caso di dire. L’unico conforto per ora è che l’inverno è dunque appena finito. Non è un auspicio poetico o esistenzialista, ma epidemiologico. Il Covid19 come tutti i virus dovrebbe risentire del cambio di stagione.

L’innalzamento delle temperature – quando sarà effettivo – dovrebbe fare male a lui e bene a noi. Dovrebbero risentirne anche le politiche governative, che anche quest’anno hanno scelto di fare di tutta l’erba italiana un fascio rosso e di farci rivivere una Pasqua come quella del popolo ebraico durante gli ultimi giorni della cattività egiziana: chiuso in casa in attesa dell’Angelo Sterminatore. 🅱️

Autore

Mr. Bloogger

Mr. Bloogger

Lascia un commento