Ambiente Evidenza

Gida, Cocci (FdI): «Quando il giusto paga per il peccatore»

«La realtà industriale di Gida Spa deve essere salvaguardata ad ogni costo ed in ogni sede. La legge approvata dal PD regionale, che in pratica ferma l’impianto di depurazione, apporta un danno enorme non solo alla società Gida Spa, ma all’intero Distretto tessile.

Il Comune di Prato è socio di Gida Spa per il 47% e solo un anno fa si è impegnato con 1,2 milioni di euro nella ricapitalizzazione della società. La legge regionale voluta e votata dal PD mette a rischio questo investimento e la tenuta del Distretto pratese.

È evidente che questa ipocrita svolta iper-ecologista della Regione Toscana, è un maldestro tentativo di oscurare lo scandalo sui rifiuti scoppiato a Santa Croce sull’Arno per cui è indagata anche la Sindaca PD Giulia Deidda.

Il consigliere Tommaso Cocci (FdI)

Non intendiamo che Prato paghi le colpe di altri. Nel mezzo di una crisi economica e sociale devastante, invece di fare leggi che agevolano lo sviluppo economico, la sinistra impugna la spada pronto a infierire il colpo di grazia.

Questo non è accettabile, chiederò conto al Sindaco Biffoni di questa ennesima scelta folle ed anti-pratese perpetrata dalla Regione a guida PD» Tommaso Cocci (Consigliere Comunale Fratelli d’Italia).

Autore

Mr. Bloogger

Mr. Bloogger

Lascia un commento