Cultura e Arte Evidenza

Lucca, Oratorio degli Angeli Custodi: il gioiello barocco riaperto al pubblico

LUCCA – È stato riaperto, a Lucca, l’Oratorio degli Angeli Custodi, un gioiello barocco che è stato sottoposto a restauri cominciati nel 2017 e finanziati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Il piccolo edificio sacro, che si trova in via dell’Angelo Custode, nei pressi della Torre Guinigi, fu costruito nel 1638, in appena sei mesi (anche se il completamento con le rifiniture proseguì nel 1639), su progetto dell’architetto Vincenzo Paoli.

La commissione gli venne affidata dalla Congregazione dell’Angelo Custode, fondata dal religioso Bonaventura Guasparini, che voleva fare dell’oratorio un centro culturale ed educativo, oltre che religioso. L’oratorio, infatti, ospitava una stagione musicale che cominciava il 28 ottobre di ogni anno e terminava il giovedì grasso successivo, e riceveva le sovvenzioni della Repubblica di Lucca (si trattava di concerti musicali ma anche di letture e rappresentazioni teatrali).

Gli interventi hanno riguardato le coperture (che sono state impermeabilizzate), i canali di gronda, le capriate del tetto, gli intonaci esterni, gli infissi, e gli interni. Sono state dunque apportate migliorie per garantire la conservazione degli elementi artistici e accorgimenti in grado di fare dell’Oratorio un luogo dove svolgere incontri a tema musicale, storico e divulgativo, nonché permettere a tutti di fruire di questo tesoro barocco.

Autore

Mr. Bloogger

Mr. Bloogger

Lascia un commento