Almanacco

Oriana Fallaci

di Andrea

Oriana Fallaci era nata a Firenze il 29 giugno 1929. Figlia del comandante partigiano detenuto e torturato a Villa Triste dai nazifascisti, aveva inforcato la bicicletta al suo posto e si era messa a fare la staffetta a nemmeno quattordici anni di età. Ce n’era di che santificarla, a sinistra, e infatti per lungo tempo fu santificata.

Era stata da giovane, suo malgrado, l’icona della sinistra anti-americana, anti-israeliana, anti-occidentale, anti-tutto. Aveva scelto di vivere negli Stati Uniti, tra quegli yankees di cui aveva raccontato la sconfitta ed il ritorno a casa, poiché si trovava sempre meno a suo agio in Europa e in Italia, dove ormai il clima culturale non le si confaceva più.

Oriana Fallaci nella “sua” Firenze

Quando, dopo l’11 settembre 2001, il mondo intero fu costretto a risvegliarsi nel boato del crollo delle Torri Gemelle, ma solo Oriana riuscì ad esprimere adeguatamente il declino della nostra civiltà, che non avrebbe saputo accogliere degnamente chi aveva veramente bisogno, e che presto avrebbe espulso anche noi stessi..

Aveva finito i suoi giorni coraggiosamente combattendo con pari forza un male incurabile e gli insulti di quella stessa sinistra, nel frattempo ribattezzatasi Partito Democratico, scopertasi bersaglio delle sue critiche feroci sempre a causa di quell’anti-occidentalismo ormai degenerato nel collasso della nostra società e dei nostri valori. Oriana muore a Firenze il 15 settembre 2006.

Autore

Andrea

Lascia un commento