Salute

Pet Therapy, una risorsa irrinunciabile

Basta essere proprietari di un animale domestico per saperlo, senza scomodare le numerose ricerche che, negli anni, hanno evidenziato il ruolo che cani e gatti hanno nel miglioramento nella vita quotidiana, incrementando il benessere dei proprietari. Ormai è noto come i nostri amici a quattro zampe possano essere utili a ridurre ansia e stress, nel praticare più movimento e nel condurre una vita più sana, al punto che sempre più spesso sono impiegati in ambito medico e assistenziale, nell’ambito della cosiddetta pet therapy.

Uno studio recente, condotto dall’Università di Manchester, dimostra però come gli animali siano anche indispensabili per la gestione dei disturbi psicologici, sia lievi che gravi. Lo studio ha coinvolto 54 partecipanti, tutti affetti da problemi psicologici di natura e di intensità da medie a gravi, dall’ansia al disturbo bipolare, fino a giungere alla schizofrenia.

Gli esperti sono giunti alla conclusione che cani e gatti – i cosiddetti pet, o animali di affezione domestica – possono migliorare sensibilmente le condizioni di vita dei pazienti. Gli intervistati hanno indicato nel compagno a quattro zampe una risorsa irrinunciabile per la quotidianità. Di questi, più della metà ha sottolineato come cane e gatto siano lo strumento più efficace di contrasto al loro disturbo.

I ricercatori hanno perciò suggerito come il contatto uomo-animale possa essere determinante nei piani terapeutici per questi pazienti, in presenza ovviamente anche della loro effettiva capacità di occuparsene. Il benessere ottenuto deve essere infatti contestuale ad una relazione reciproca, nella quale anche il quadrupede può sperimentare serenità e trovare risposta alle proprie esigenze.

E non é tutto, i benefici derivanti dall’accudire un amico a quattro zampe non sarebbero solo rilevanti per individui affetti da  problematiche a livello psicologico, ma anche per la società nel proprio complesso.

Autore

Mr. Bloogger

Mr. Bloogger

Lascia un commento