Auto e Motori

Renault Twingo, la cittadina parigina

Renault rinnova la Twingo. La citycar francese è disponibile con 2 Motori a Benzina (900 da 95cv, 1000 da 65 cv) negli allestimenti Duel, Duel2, Intens.

Esternamente l’aggiornamento di metà carriera ha interessato il frontale e il posteriore. Le luci di posizione, sono ora integrate nei fari e riprendono la tipica linea a Cdelle ultime Renault, mentre il paraurti anteriore si fregia di due intagli verticali ai lati. Dietro, il porta targa non è più in plastica nera, ma in tinta carrozzeria ed è stato spostato il tasto di apertura del portellone sotto all’attacco del tergicristallo.

Ad arricchire l’estetica della vettura ci pensano, poi, i cerchi in lega di nuovo disegno, diversi inserti colorati in bianco, giallo o rosso per la griglia anteriore per le modanature laterali e gli specchietti retrovisori (optional) e le bande laterali a contrasto (optional).

Anche dentro la Twingo è vivace, grazie a diversi elementi colorati come i bordi attorno al cruscotto, alle bocchette dell’aria e alla leva del cambio. La consolle centrale è ora dotata di due comode prese Usb con le quali è possibile collegare gli smartphone al nuovo sistema multimediale Easylink, completo di Apple CarPlay e Android Auto: si comanda attraverso il display touchscreen di 7”, definito e reattivo ai tocchi, ed è facile da utilizzare grazie all’interfaccia grafica intuitiva.

Ed ora il test drive: la Renault Twingo guidata è stata la 900 TCE 95 cv Intens EDC da 18.056 €. Il restyling della Twingo ha ammodernato la piccola francese aggiornandola al family feeling della casa della losanga. Le forme compatte e le dimensioni ridotte la rendono ideale in città per maneggevolezza e facilità di parcheggio. Doti che, unite al 900 Turbo Benzina 3 Cilindri da 95 cv e al cambio automatico, permettono alla Twingo di essere usata agevolmente anche in percorsi extraurbani.

Infine il listino prezzi: si va da 11.450 € della 1000 Duel per arrivare a 15.850 € della 900 Intens EDC (Benzina).

Autore

Mr. Bloogger

Mr. Bloogger

Lascia un commento