Accadde Oggi

Wai momi, la fine del sogno

Il 21 maggio è il giorno di Charles e di Amelia. Nel 1927 Lindbergh fu il primo uomo a volare da solo dall’Europa al Nordamerica, senza scalo. Nel 1932 la Erhardt fu la prima donna a compiere la stessa impresa. A stabilire che almeno lassù, in cielo, i diritti e le opportunità tra i sessi erano esattamente gli stessi.

Eroi di un’epoca in cui l’uomo poteva ancora sognare, con la testa rivolta in su, verso il cielo, la Luna, l’universo. Quei temerari sulle macchine volanti si davano il cambio con gli altri, quelli sui bolidi da corsa, nell’eccitare la fantasia di un uomo e di una donna che quattrocento anni dopo Leonardo da Vinci e la sua fantascienza finalmente vedevano tradotti in oggetti e fatti concreti i suoi scarabocchi su vecchie ingiallite pergamene.

Charles Lindbergh

I futuristi ci scrivevano sopra poesie, gli scienziati ci facevano sopra calcoli sempre più accurati, gli uomini e le donne comuni ci sognavano sopra, negli anni venti del ventesimo secolo che sembrava aprire al genere umano le porte di qualsiasi magia.

Charles ed Amelia erano eroi positivi. Le macchine volanti avevano fatto la loro comparsa già alla fine della Prima Guerra Mondiale, ma non avevano fatto a tempo a dispiegare tutto il loro terribile potenziale.

Il 21 maggio è anche il giorno in cui nel 2001 uscì un film suo malgrado controverso, destinato a far discutere, anche se non quanto l’evento che aveva inteso raccontare. Wai momi, in lingua hawaiiana significa acqua di perla. Pearl Harbor, l’avevano tradotto gli americani che ne avrebbero fatto il cinquantesimo stato della loro Unione, e nel frattempo la base navale da cui controllavano tutto l’Oceano Pacifico.

Pearl Harbor: affondamento della Uss California

Quel controllo che ambivano ottenere i giapponesi, i quali attaccarono la flotta statunitense alla rada una domenica mattina di fine 1941, il 7 dicembre per la precisione. Una data desinata a rimanere tra le più importanti della storia dell’uomo, perché segnava uno spartiacque epocale.

Day of infamy, lo chiamarono gli americani, furiosi non tanto per quelle portaerei e corazzate andate a fondo nella rada delle perle (sapevano di poterle ricostruire e rimettere in mare in poco tempo, come infatti fecero), quanto per la mancata consegna ufficiale di una dichiarazione di guerra da parte del nemico. Che arrivò solo quattro giorni dopo, l’11 dicembre, quando nelle Hawaii si contavano e si seppellivano i morti.

Il film di Michael Bay – Pearl Harbor – uscì nelle sale americane quattro mesi prima che Al Qaeda facesse saltare in aria le Torri Gemelle, e con loro il nostro mondo. Settant’anni dopo, il mito del complotto ordito dagli Stati Uniti contro se stessi si rinnovava. E finalmente, con i boccaloni del revisionismo fanta-storico che avevano altro a cui dedicarsi, gli spettatori poterono godersi il film in santa pace, almeno in Europa.

Amelia Earhart

Gli Zero giapponesi avevano fatto nelle Hawaii ciò a cui nel Vecchio Continente, a Guernica, avevano provveduto gli Stukas tedeschi: aprire gli occhi ai sognatori degli anni venti, dimostrando loro che quelle volanti potevano essere non più macchine meravigliose, ma bensì macchine di morte.

Amelia Erhardt non era più tornata dal suo tentativo di attraversare in volo il Pacifico, altrimenti chissà cosa avrebbe fatto nella Seconda Guerra Mondiale. Charles Lindbergh, finito di piangere il suo bambino rapito e ucciso nel più clamoroso caso di cronaca nera degli anni trenta, combatté da patriota la guerra che scoppiò a Pearl Harbor progettando aerei da combattimento e in qualche caso addirittura pilotandoli.

Autore

Mr. Bloogger

Mr. Bloogger

Lascia un commento